una canzone per te

per costruire un ponte fra le generazioni

appuntamento era previsto per l’11 marzo al Moby Dick per una bellissima iniziativa promossa dall’associazione culturale il Tempo Ritrovato ma causa “prevenzione CORONAVIRUS” è rimandato a data da definirsi…

la comunicazione della gioventù di ieri e di oggi dalla radio passando per il vinile fino al cellulare 1924 – 2020

Il 6 Ottobre del 1924 nasce in Italia la prima trasmissione radiofonica…

calendario 2020

Quest’anno l’associazione Il Tempo Ritrovato  è tornata indietro per andare avanti ed ha prodotto due calendari di una sola pagina come fece con quello del 1993 chiamato  “filastrocca per una crisi”. I due calendari sono stati allegati al premio Fantasia di Garbatella europea 2019  e sono illustrati da foto e disegni con due semplici filastrocche che, nel corso dell’anno si tramuteranno in favole. Le favole saranno sempre ideate da Fatagarbatella  prendendo spunto dalla realtà che la circonda. I calendari sono stati allegati al premio Fantasia di Garbatella europea 2019 dedicato al pittore Carlo Acciari ed al cantautore Enzo Ventre che hanno narrato la Garbatella sulla tela e con le canzoni. Il premio è  stato conferito a Roma  presso l’hub culturale MOBY DICK dall’Assessora alla scuola Francesca Vetrugno e dalla consigliera nonchè ex assessora alla scuola Paola Angelucci  e dall’attrice Rossana Di Lorenzo.

Il premio viene conferito ogni anno il 20 novembre  nella Giornata Internazionale per i Diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza convenzione ONU del 1989

L’associazione ha abbinato tramiti incontri e passeggiate sociali per la Garbatella  negli anni passati  il Progetto G

G come Garbatella G come Genitori G come Gioco i numeri della convenzione ONU ai numeri dei lotti della Garbatella,  usando in particolare lotto 31  che nell’articolo della convenzione ONU  è il diritto al GIOCO, convinta che chi impara a giocare da piccolo saprà anche giocare da grande. Il gioco è importante saperlo insegnare per farlo  imparare da piccoli per non cadere da grandi nelle varie ludopadie in  crescita. 

se desideri ricevere gratuitamente in formato PDF i calendari di Fatagarbatella scrivici utilizzando lo spazio commenti di questo articolo

istruzioni l’uso…

Sul web è facile trovare tantissime notizie e informazioni sullo storico quartiere della Garbatella. In questo “omaggio al quartiere” abbiamo cercato di raccogliere le storie di chi ci ha vissuto o ci vive tutt’ora. Il materiale è stato raccolto per categorie e per una più facile consultazione dopo la “mappa dei lotti del quartiere” vi è una breve descrizione di ogni voce del menù… e in attesa del 18 febbraio 2020 vi invitiamo a seguire la pagina

verso il Centenario GLI EVENTI

verso il Centenario Gli Eventi: alcune iniziative che vengono realizzate in attesa del 18 febbraio 2020

una passeggiata per il quartiere: Fatagarbatella ci propone una passeggiata fra le strade della Garbatella, molte delle quali dedicate a “uomini di mare”, e ci fa conoscere le molte strade del quartiere dedicate a donne. dal sottomenù si accede ad una piccola selezione di foto e ad una serie di video per i vicoli del quartiere in compagnia di alcuni amici che lo raccontano fin dalla posa della prima pietra… ed a

Rigeniamoci con Arte: La Garbatella è stata ed è tutt’ora luogo dove sono state girate molte scene di film famosi e vi abitano tutt’ora importanti artisti e attori…

il GenteNario: viedo, foto e ricordi di persone che hanno vissuto o vivono tutt’ora nel quartiere

Garbatellandia: uno spazio dedicato ai bambini da 0 a 197 anni e mezzo d’età

la fontana Carlotta:  la fontana magica del quartiere con una vita “travagliata”…

Centenario per il sociale: alcune proposte perché il centenario possa essere un’occasione per aiutare chi ha bisogno… e nel sotto menù è possibile conoscere alcune associazioni che operano nel quartiere

i link:  dove poter conoscere chi ha collaborato a questo progetto

un quartiere magico…

La Garbatella è un bellissimo quartiere di Roma…

i lotti che la compongono sono attraversati da tanta Storia e dalle tante Storie delle persone che ci hanno vissuto… ecco perchè ci piace pensare a questo anniversario come il GenteNario della Garbatella

ma La Garbatella è anche un luogo magico dove a volte avvengono pure delle piccole magie…

Galeotta fu la Panchina posta vicino alla storica fontana Carlotta, un simbolo del quartiere…infatti fu proprio a causa di quella panchina che un bel giorno una Fata che è nata e vissuta nel quartiere conobbe uno strano Mago proveniente dalla Toscana.. il cosiddetto magoAggiustatore…


FataGarbatella (Mirella Giovanna Arcidiacono)

e il MagoAggiustatore (Massimo Tiezzi) vi invitano a visitare queste pagine ed a scoprire un pò di storia del quartiere…

nella pagina GenteNario è possibile conoscere alcuni dei personaggi del quartiere mentre nella pagina Garbatellandia sono riportate alcune delle più belle favole e storie di FataGarbatella

questo sito è realizzato dalla Cooperativa Sociale

CI BASTA (un tetto, del pane e un lavoro ) onlus  

invitiamo tutti coloro che desiderano collaborare a questo progetto a contattarci, saremo ben contenti di dare un pò di spazio su queste pagine a chiunque voglia parlare del quartiere

per il momento vogliamo ringraziare per la collaborazione:

Luciano Roffi (alias MagoRoffinski ) attore

Laura Manciati (alias Fatafotografa) fotografa

Fulvio Carnevali (alias Er Garbatella)

organizzazione CI BASTA – Amici di Fruzzico – Sémo Noi

Auguri GARBATELLA bella !!!

di Massimo Tiezzi

nel 1992 mi sono trasferito per lavoro da Firenze nella magica Roma…

all’epoca sviluppavo software per l’INAIL nella sede accanto al santuario Santa Maria Regina degli Apostoli nel quartiere di San Paolo…

nel 1997 ero alla ricerca di un’abitazione in una zona abbastanza vicina al mio ufficio ed è stato così che ho scoperto la Garbatella…

ed è nato un amore a prima vista…

si tratta di un quartiere bellissimo, pieno di storia… molto apprezzabile anche da un punto di vista architettonico…

come tutte le aree urbane piano piano si sta trasformando e si adegua ai nuovi tempi… ma è importante che la storia del quartiere non venga dimenticata

per questo motivo ho deciso di festeggiare il Centenario della Fondazione della Garbatella raccogliendo in questo sito un pò di foto, video, racconti e aneddoti su questo bellissimo quartiere…

La Garbatella vista con gli occhi della sua Fata

di Giovanna Mirella Arcidiacono de’ Garbante

Scrivo questo cenno di storia della Garbatella avendo conosciuto per puro caso Massimo Tiezzi che riparò una panchina vicino alla fontana chiamata Carlotta alla piazza che dà il nome ad un missionario toscano Piazza Ricoldo da Montecroce . Questo cenno di storia ed altro materiale è donato per puro amore per  salvaguardare le mie radici essendo nata proprio vicino a questa fontana.

Nulla chiedo per quanto scrivo e per quanto andrete a leggere, ma  pretendo RISPETTO per il mio lavoro sul quale nessuno può speculare in alcun modo  

                                                  Buona lettura

Era un caldo mercoledì di febbraio , la primavera faceva capolino a Roma, quando viene messa la prima pietra per costruire quel quartiere che poi sarà chiamato Garbatella,  anche se di nomi se ne erano fatti più di uno e  all’inizio volevano chiamarla Concordia.

La volevano chiamare Concordia, perché da poco finita la prima guerra mondiale.

Era  più precisamente il 18 ed era mercoledì,  il giorno che la chiesa festeggiava  le Ceneri, perché racconto questo proprio su un sito costruito e ideato da una persona Toscana ?

Perché a mio modesto avviso la Garbatella ha a che fare qualcosa con la Toscana a partire proprio dal nome e dalle passeggiate che faceva San Filippo Neri.  

Le passeggiate di San Filippo  iniziavano subito dopo carnevale e sono ricordate un po’ dal murales  di Salvatore Russo sulla parete della chiesa costruita nei primissimi anni cinquanta. Il Rotary club a metà anni novanta  cercava un muro per realizzare un murales La mia amica  Rossana Bartolozzi   faceva parte del gruppo muralisti romani , mi presentò Salvatore Russo che era il contatto con il Rotary club  e così lo presentai a padre Guido. Padre Guido ci spedì subito a Sant’Onofrio per  farci comprendere meglio la figura di Filippo il buono.

Le cose non andarono proprio  come ci erano state dette agli inizi  dai rotariani, cioè che dopo il murales avremmo scritto un libro sulla storia del quartiere…  MA QUESTA E’ ALTRA STORIA CHE VI NARRERO’ FORSE IN SEGUITO.

Quel 18 febbraio del 1920 iI Re Vittorio Emanuele III,  chiamato anche dalla gente Re Pippetto per la sua bassa statura, arrivò verso 12:00 in automobile.

Il Re d’Italia giunse  su questa collinetta che un tempo veniva chiamata ”Colle della Pace”  perché vi venivano seppelliti i morti, i morti venivano seppelliti  fuori le mura di Roma.

Alcuni oltre a Concordia avrebbero voluto chiamare questo luogo Remuria,  perché la leggenda dice che se Remo avesse costruito lui la città l’avrebbe chiamata Remuria  (dal suo nome Remo-Remuria). La leggenda di Roma sappiamo che nasce da un fratricidio che ricorda,  a mio avviso,  in qualche modo la storia di Caino e Abele.  Pertanto la leggenda ci dice che Roma viene costruita da Romolo che uccide il proprio  fratello queste sono cose che non fanno onore e troppe  volte vengono dimenticate o poco considerate..

I due gemelli poi…  la leggenda dice che vennero allattati da una lupa di nome Acca Larenzia che moglie di un pastore di nome Faustolo e che probabilmente era una prostituta.  Ci sarebbe da riflettere sulla storia contemporanea (epoca fascista)  che i bambini vennero anche chiamati figlia della lupa.

 Insomma  la Garbatella forse si chiama così, perché  era piena di vigneti e l’uva veniva coltivata a filari bassi, questa coltivazione è  chiamata ”coltivazione a garbata” Sembra che qualche tralcio di questa vite sia rimasto nell’oratorio sulla via delle Sette Chiese,  sembra e ripeto sembra,  perché molte cose alla Garbatella sembrano, ma a volte sono solo leggende.

C’è poi la leggenda della Garbata ostella che molti chiamano Garbata ostessa, ma se così fosse il quartiere si sarebbe chiamato Garbatessa.

Questa bella donna dai modi garbati mesceva vino in una fantomatica osteria  il suo nome ??? Forse Maria, forse Clementina… i  forse sono molti ed in cento anni chi più ne ha più ne mette. Il vino comunque era rosso e se vogliamo proprio approfondire, visto che la collinetta della Pace poi Garbatella era in primis proprietà del Vaticano…Si sa che durante la messa il vino che beve il sacerdote e rappresenta il corpo di Cristo è rosso. Inoltre Monsignor Nicolai agronomo e Ministro dell’agricoltura in Vaticano, amava chiamare  proprio l’uva  coltivata  a garbata e chiusa nei dodici cancelli “uva garbatella

 Alla Garbatella appena costruita  arrivarono le persone dai vari smembramenti di Roma, perché la città dopo la prima guerra mondiale cominciò giustamente  a prendere un altro volto.

Le prime strade hanno nomi di gente di mare, Infatti la strada dove c’è la  prima pietra porta il nome di Benedetto Brin ammiraglio e ministro della marina mercantile. Intorno a Benedetto Brin  c’è sotto l’archetto ( dove si trova l’immagine della Madonnina che ricorda l’inondazione del Tevere)  Via Luigi Orlando che sbuca a Via della Garbatella che però prima si chiamava Via Serafini. Serafini è il nome degli abitanti  della villa  i signori Serafini dove ancora c’è il cancello con il loro nome  e dove  si trovano le catacombe di Commodilla . Il parco dove si trovano le catacombe,  però ora si chiama Giovannipoli dal papa Giovanni VIII che, fece costruire le mura contro le espugnazioni dei Saraceni alla vicina basilica di San Paolo. Inoltre la fontana che si vede sulla piazza Brin non è quella d’epoca e su i due giardini un tempo c’erano delle case, questo punto viene chiamato Pincetto della Garbatella  e doveva essere la finestra sul Tevere. Piazza Brin è tagliata da Via Guglielmo Guglielmotti e se volete saperne su di lui troverete che aveva a che fare con i galeoni.

Inoltre ci sono strade che portano nomi di Missionari e molto probabilmente,  perché la collinetta era proprietà del Vaticano,  tant’è che una delle costruzioni più antiche è la Casa dei bimbi che a Garbatella i primi garbatellani chiamavano “la scoletta” .

La Scoletta o Casa dei bimbi venne  restaurata e ricostruita in altre parti dall’architetto  Innocenzo Sabbatini (vedi quaderno nr,1 di Moby Dick del tavolo dell’archivio storico del Municipio VIII).era una vecchia cascina di caccia  (di proprietà sempre del Vaticano ) di un certo Serganti amico dei Medici che commissionò  la Madonna giardiniera a Raffaello.

Alla “scoletta” approdarono dall’albergo rosso le Figlie della Carità chiamate bonariamente sempre dalla Garbatella di qui tempi “le suore cappellone” per via del grosso cappello bianco.

Le cappellone sfamarono tanta infanzia di quei tempi,  presso  la Casa dei Bimbi inoltre  l’estate veniva anche istituita una colonia per le vacanze. A fine anni cinquanta inizi anni sessanta le Figlie della Carità  vennero rilegate in un piccolo, ma  tuttora attivissimo spazio per infanzia a Via Ignazio Persico  e la Casa dei Bimbi con il suo bellissimo  parco divenne scuola materna  del Comune di Roma, ma a tuttoggi non viene fatta nessuna colonia estiva, una piccola parte del parco e la casetta del giardiniere è divenuta nel tempo  l’associazione “Casetta rossa”, dove avvengono vari incontri culturali e si possono degustare prelibati cibi .

Quando la Garbatella venne costruita  con grande attenzione degli architetti,  oltre la Casa dei bimbi c’erano  anche la chiesoletta di Santa Eurosia ed Isidoro  con annessa una piccola vaccheria su via delle sette chiese e la villetta che sembra fosse una torretta di avvistamento dove sembra ci vivesse una contadina. La villetta poi venne  occupata dalla milizia fascista e a fine seconda guerra mondiale  con la caduta del fascismo divenne sede del P.C.I. Con il trascorrere del tempo anche questo luogo si è  un po’ modificato in importanti incontri socio-culturali e politici

Su come si è evoluta e cambiata questa antica collina della Pace  ce n’è molto ancora  da dire, conosciuta per le varie fiction, ma questo lo lascio raccontare a chi ama  parlare di questo tipo di storia, personalmente mi sono data il compito di narrarla in favola . Presso la sede dell’hub culturale Moby Dick a Via Edgardo Ferrati 3 Roma potete prendere in prestito  il libro “Le favole delle nonne e dei nonni” li troverete un pò delle favole di Fatagarbatella

Passeggiando con Fatagarbatella per le strade delle donne

di Giovanna Mirella Arcidiacono de’ Garbante

Le strade dedicate alle donne sono molto meno di quelle dedicate agli uomini, ma a Roma c’è un quartiere femmina, un quartiere donna, un quartiere madre:

LA GARBATELLA

Il quartiere ha il nome di donna e vari simboli al femminile questo lo scrissi proprio nel mio libro presentato nell’oratorio di San Filippo Neri il 18 febbraio 2003 con il presidente del Municipio XI Massimiliano Smeriglio ed alcuni consiglieri del Municipio. Il libro venne alla luce grazie anche al bando e…state in Municipio è doveroso per me ricordare ciò, perché il nostro Municipio viene anche denominato MUNICIPIO DELLA MEMORIA.


Il libro lo si può trovare nella biblioteca comunale di Testaccio a Roma a, è un piccolo libro senza pretese, ma che ha voluto fermare il tempo prevedendo umilmente quanto poi si sarebbe sviluppato nel quartiere storico ed ancora si continua a sviluppare.. Nel tempo per alcuni accorpamenti siamo diventati Municipio ottavo, ma le strade dedicate alle donne sono sempre le stesse c’è però da evidenziare che la Garbatella dal 13 ottobre 2015 può vantare che il consultorio familiare ha un nome femminile è stato infatti dedicato ad Elisabetta Di Renzo memoria storica dell’associazione Il Tempo Ritrovato…ed è il primo consultorio familiare che ha un nome.
La passeggiata ora virtuale, ma che spesso diventa reale, narra di storie di donne e in questa virtuale inizia da Piazza Adelaide Zoagli Mameli la mamma di Goffredo per un importante motivo la Garbatella ha dei confini e il confine è proprio a destra ed a sinistra di questa piazza.
La Toponomastica è un messaggio di storia vissuta ed è importante partire da qui dalla
mamma di Goffredo per attraversare altre strade di madri e non a caso quelle dei Giuseppi delimitano una parte della sede Regione Lazio. Poi c’è la piazzetta della mamma di Giovanni dalle bande nere per passare per altre strade di donne percorrendo la piazzetta di Eurosia scendere giù verso Carlotta, passando vicino alla targa di Jole fino ad arrivare da Galla che, rimasta vedova non volle più risposarsi a lei è dedicata la chiesa di Santa Galla…tutte figure femminili.
Figure di donne a cominciare da quella del quartiere con il volto bianco e una mammella scoperta come simbolo di maternità, superfluo parlare di quel volto in disfacimento abbronzato e contornata da capelli ondulati che tutti chiamiamo Carlotta, la fontana degli innamorati di un tempo. C’’è Diana che simboleggia con un grande foro il tempo che passa ed il vuoto culturale che ancora esiste, nonostante tutto su questo quartiere! Intanto alzando la testa tra i tanti simboli si trovano anche le muse che non dirò dove si trovano, ma invito a trovarle su una scuola che è conosciuta per una fiction televisiva che non ha nulla a che vedere con la vera storia del quartiere.

Adelaide o Adele Zoagli in Mameli figlia del marchese Nicolò Zoagli e Angela Lomellini, passa alla storia, perché è la madre di Goffredo, colui che la storia dice di aver scritto il canto per gli italiani e che morì giovanissimo di cancarena presso l’ospedale dei pellegrini a Roma …
I luoghi fanno spesso ponti di storia
Il canto degli italiani venne scritto nel 1847 e venne adottato nel 1946 come inno nazionale provvisorio della Repubblica italiana.
Adelaide Zoagli viene così descritta da Giuseppe Gonni, sul giornale Il Caffaro del 25 agosto 1926: «La marchesa era una quindicenne di soave bellezza. Capelli castani striati d’oro, bipartiti sulla fronte, raccoglientesi in passanti e grosse trecce sulla nuca. Occhi grandissimi d’una chiarità di cielo sui quali, le lunghe ciglia scure ne velavano d’ombra il singolare splendore, taglia slanciata, flessibile ed armonica. I gesti erano di una fierezza, di una cortesia avvincente che riflettevano la fiera, ardente anima degna della nobile famiglia donde discendeva: consoli, fondatori di colonie, ammiragli e due dogi ha dato nei secoli il nobile casato, a Genova repubblicana” Il Gonni poi continua la descrizione dicendo che suo vicino di casa era Giuseppe Mazzini con il quale ebbe una profonda amicizia forse un amore platonico.
Adelaide morì il 19 giugno 1884 ed è seppellita nella zona alta nel cimitero di Staglieno in Genova.

Adelaide Bono in Cairoli patriota italiana nasce l’8 marzo 1806 e muore il 27 novembre 1871

rimase orfana di padre a 5 anni. Sposò nell’aprile del 1824 Carlo Cairoli più grande di lei di 28 anni dall’unione nacquero otto figli: Benedetto
Angelo Francesco il 28 gennaio 1825, Maria Teresa Rachele Alessandra il 6 gennaio 1826, Teresa Caterina Emilia il 16 novembre 1827, Ernesto Maria Carlo nato il 20 settembre 1832, Luigi Giovanni Fedele il 9 luglio 1838, Carlo Benedetto Enrico il 6
febbraio 1840, Giovanni Massimiliano il 27 luglio 1842 e Carolina, morta a pochi mesi dalla nascita.
Adelaide molto generosa, e di grande cultura educò i figli verso l’amore della società con sentimenti patriottici. Tenne un salotto politico letterario ed era in corrispondenza con intellettuali .
Rimase vedova nel 1849 suo marito Carlo Cairoli morì a Gropello cadendo dalla carrozza mentre lo Stato Maggiore austriaco del generale d’Aspre aveva posto il suo quartier generale nella villa di Gropello. Fece fronte al duro periodo di vedovanza continuando quanto aveva sempre espletato Giuseppe Garibaldi alla sua morte disse: « L’amore di una madre per i figli non può nemmeno essere compreso dagli uomini … Con donne simili una nazione non può morire» Maria Rosa Nicoletta Raimondi Garibaldi 1776 1852 figlia di pescatori Angelo, Giuseppe, Michele, Felice e Teresa che morì bambina Felice, era nominato l’elegante della famiglia, fu commerciante fortunato. Morì a Nizza nella casa paterna (1856) Il fratello Giuseppe ereditò da lui una discreta somma con cui acquistò la metà dello scoglio di Caprera

Maria Drago Mazzini 1774 – 1852
Nel 1796 sposò il medico Giacomo Mazzini, con cui ebbe tre figlie e un figlio,  In vita fu profondamente religiosa e incline al giansenismo, nonché attratta dalle idee politiche rivoluzionarie del figlio Giuseppe

Caterina Sforza 1463 -1509
È un personaggio che andrebbe molto approfondito per una serie di motivi …in quel periodo inizia il periodo dell’inquisizione Nasce da Lucrezia Landriani, moglie del cortigiano Gian Piero Landriani, ma è figlia naturale di Galeazzo Maria Sforza, duca di Milano, era ammirata da tutta l’Europa.


Si distinse fin da giovane per le azioni coraggiose e temerarie che mise in atto per salvaguardare da chiunque i propri titoli ed onori, così come i propri possedimenti, quando i suoi Stati vennero coinvolti negli antagonismi politici. Si dedicò a diverse attività tra cui l’alchimia e la caccia Confidò a un frate: «Se io potessi scrivere tutto ciò che sò, farei stupire il mondo». I Borgia la fecero imprigionare a Castel Sant’Angelo , dopo aver riacquistato la libertà, condusse una vita ritirata a Firenze. Ebbe diversi figli solo uno le somigliò nel carattere e nel coraggio e fu il Capitan di ventura Giovanni dalle bande nere
Guendalina Borghese si chiama Caterina Guendalina Talbot in Borghese figlia del conte Talbot moglie di Marcantonio Borghese  († 27 Ottobre 1840) forse nominata madre dei poveri perché caritatevole


Eleonora Curlo Ruffini madre di tre ragazzi iscritti alla Giovine Italia ed alla Carboneria .
Patriota come Agostino , Jacopo e Giovanni li sostenne nella cospirazione contro gli austriaci.
Sposatasi a Genova con l’avvocato Ruffini ebbe ben 13 figli alla loro morte si ritirò a Taggia dove morì nel 1856

Rosa Guarnieri Carducci è ricordata per aver affrontato con coraggio i tedeschi
arrivati alla sua casa per arrestare il figlio partigiano e viene uccisa il 7 ottobre 1943 con due colpi di pistola.

C’è da ricordare che questa strada prende nome nel 1949 fino allora si chiama va Via Rosa Maltoni Mussolini dedicata alla mamma di Benito, pertanto si deduce che la toponomastica venne decisa quando vennero costruite le case INCIS.

Anna Maria Taigi Nacque a Siena e visse a Roma
quale religiosa sembra con virtù ptrofetiche , infatti era consultata da molti uomini sia politici che della chiesa e venne beatificata nell’anno che nasceva la Garbatella. Il suo corpo riposa in una chiesa a Trastevere.

Alessandra Macinghi Strozzi gentil donna di Firenze a cui donò le sue ricchezze
per opere di cultura e di arte e le lettere scritte ai suoi figli che lasciano testimonianze delle famiglie fiorentine del 1400.
Sant’Eurosia
Era una ragazza spagnola uccisa da un moro in una caverna dove si era rifugiata per sfuggire alle sue vuolenze è ricordata come martire vergine di Jaca Pomponia Grecina donna dell’antica Roma, una delle ultime che venne consegnata al marito per essere giudicata secondo le regole del tribunale domestico.

Francesca Saverio Cabrini
La prima strada della Garbatella è dedicata a lei.
Venne beatificata il 22 dicembre del 1946 fece ben 24 volte la traversata dell’Oceano per sostenere i nostri emigranti. Il suo sogno era di andare in Cina di ripercorrere le orme di Francesco Saverio, ma il papa Leone XIII le disse. No all’oriente ma all’occidente per la tua missione a sostenere gli emigranti italiani!” Tanto lavorò bene che aiutò tutti gli orfani di tutti senza distinguere alcuna nazionalità per questo divenne la santa protettrice di tutti gli emigranti del mondo.

Santa Galla
Protettrice delle donne colpite da cancro al seno figlia di un patrizio romano, Quinto Aurelio
Memmio Simmaco junior, con il crollo dell’Impero Romano d’Occidente, seppe mantenere buoni rapporti con i nuovi sovrani barbari e fu nominato prefetto nel 476, console nel 485 e anche capo del Senato- fino alla rottura con Teodorico, che lo fece condannare a morte nel 525.
Galla fu data in sposa a un giovane patrizio, che morì dopo appena un anno dalle nozze. Galla pur ancor giovane rifiutò molti altri pretendenti che volevano farla loro sposa e si ritirò in un monastero.
A lei è dedicata la chiesa di Santa Galla che delinea l’altro confine con la Garbatella.

COMODILLA Catacombe Nel 1595 l’archeologo Antonio Bosio scoprì questa catacomba, ma venne identificata molti anni dopo nell’800 da Giovanni Battista de Rossi. Commodilla era una matrona romana convertita al cristianesimo

Targhe, scuole, ponti per le donne contemporanee


Con il libro GARBATELLA: la storia è donna con la prefazione di Maria Rita Parsi parlando delle strade dedicate alle donne si volle iniziare un percorso per ricordare donne contemporanee del territorio. La prima targa venne dedicata a Jole Zedde, un ponte a Settimia Spizzichino ed il consultorio familiare ad Elisabetta Di Rienzo, una targa ricordo ad Enrica Zarfati
Iole Zedde Il 7 Settembre 2007 : Aspettando la Notte Bianca, il Municipio Roma XI sotto la spinta dell’associazione Il Tempo Ritrovato ha dedicato una targa a Iole Zedde, la ragazzina della Garbatella” che venne uccisa dalla mitragliatrice di un soldato tedesco il 12 settembre del 1943 mentre era alla ricerca del fratellino.
Iole abitava al lotto 28 ed abitava al pian terreno, il papà aveva vietato ai figli di uscire di casa, avendo saputo che molti ragazzini del quartiere stavano correndo verso la stazione ostiense per rifornirsi di cibo, visto quanto stava accadendo e ciè che molti assaltavano i vagoni pieni di cibo.…aveva detto “ Guai se andate ai vagoni!” Franco disubbidì scavalcò la finestra e corse via insieme agli amici nella speranza di trovare cibo per la famiglia. Iole ragazza assennata ricordando quanto aveva raccomandato il padre rincorse a cercare il fratello per riportarlo a casa, ma alla stazione ostiense si fermarono per sempre i suoi sogni di giovane ragazza, il destino volle che un giovane soldato tedesco di guardia ai vagoni fece partire una sventagliata di mitra, forse solo per intimorire, ma Iole vi rimase uccisa. Il suo corpo venne portato presso la chiesa di Santa Galla .

Settimia Spizzichino nacque a Via della Reginella quinta di cinque figli
Il 16 ottobre 1943 venne deportata insieme alla madre, due sorelle e una nipotina durante il rastrellamento del ghetto [3] . Venne portata al campo Auschwitz-Birkenau iniziò la madre e la sorella Ada furono mandate alla camera a gas. Settimia con la sorella Giuditta finì tra le abili al lavoro con il numero 66210. Delle 48 donne rimaste dopo questa prima selezione, Settimia fu l’unica a tornare e venne ad abitare alla Garbatella in Via Pennabilli alle sue compagne di prigionia ha poi dedicato il suo libro di memorie. ha girato molte scuole per trasmettere la sua storia e quella delle prigioniere al campo di concentramento dove venne usata come cavia per il tifo e la
scabbia. A Settimia Spizzichino è dedicata una scuola media al quartiere della
montagnola ed il bel ponte alla Garbatella


Mirella Mancini da mamma Fata e Sora Mirella famosa “grattacheccara” di Roma Mirella Mancini da ragazzina abitava al terzo albergo della Garbatella e ha trascorso 50 della sua vita sul lungotevere all’Isola Tiberina. Mirella era conosciuta come la SORA MIRELLA , la più importante “grattacheccara di Roma”. Mirella rappresentava la Roma popolana quella Roma verace, spontanea e lavoratrice. Mirella per 50 anni ha dissetato migliaia di romani e turisti, con le sue speciali granite che a Roma si chiamano «grattachecche».
Dietro quella famosa grattachecca c’è un’importante storia che viene dalla sua adolescenza che prima descrivo in parte qui di seguito con le parole di suo nipote Massimiliano e con alcuni intimi ricordi raccontatemi da suo fratello Riccardo il più piccolo di casa Mancini Massimiliano in quel chiosco su lungotevere ha passato molto tempo della sua infanzia accompagnato da sua nonna Elettra o da Mariella sua mamma racconta in occasione della scomparsa di sua zia che alcuni chiamavano anche “la carabiniera” per il suo modo deciso di fare.
Zia Mirella, era una romana de Roma, si direbbe, con il vanto di aver avuto un padre coraggioso e dai solidi principi. Enrico Mancini non si piegò davanti al fascismo, in quella parata di camicie nere e violenza non vedeva opportunità ma un pericolo. Lui, ebanista di professione, che per la patria si era speso nella Prima guerra mondiale, diventando sergente maggiore del Genio e potendo appuntare al petto una medaglia di bronzo e una croce di guerra. Tornato dalla guerra, aprì in zona Porta San Paolo una falegnameria pronto a lavorare e crearsi una famiglia. L’avvento del fascismo però ne scombussolò i piani. Bussarono alla sua porta le camicie nere per costringerlo ad aderire al fascismo. Mancini rifiutò e per tutta risposta gli fu bruciato il negozio. Aveva sei figli e una famiglia da mantenere ma anche principi saldi da onorare. Nel 1942 sarà tra i primi ad aderire al Partito d’Azione. La sua attività, divenuta il commercio di mobili, era il viatico di informazioni dell’antifascismo romano. Testaccio, Ostiense, Garbatella, Mancini controllava e coordinava le attività clandestine della zona, entrando l’8 settembre nella Brigata Garibaldi. Uomo della Resistenza, diede aiuto ai perseguitati politici, nell’organizzare i militari sbandati, nel mantenere i collegamenti con i partigiani alla macchia, nel rifornire di armi e di materiale di propaganda i gruppi
della Resistenza. Poi l’arresto, il 7 marzo del 1944: la banda Koch viene a prelevarlo in ufficio.
Verrà portato nella Pensione Iaccarino e torturato per dodici giorni per ottenere informazioni sui compagni antifascisti. Non parlò. Il 18 marzo fu rinchiuso a Regina Coeli, in attesa di un processo che non ebbe mai luogo. Insieme a 334 persone, fu portato alle Fosse Ardeatine e fucilato il 24
marzo del 1944.
Mirella aveva perso il papà giovanissima era rimasta orfana di guerra insieme a sua sorella Elettra ed ai fratelli Alberto, Bruno, Adolfo e a Riccardo . Mirella e Riccardo i più piccoli di casa vennero mandati in collegio a Montecompatri nonostante le resiswtenze del piccolo Riccardo che si arrese solo perché con lui andava anche sua sorella un po’ più grande di lui Così Riccardo e Mirella due orfani della Garbatella .partirono per questa nuova meta e vi rimasero circa tre anni. Il Collegio era situato a circa 30 km da Roma ed era intitolato a Carlo Tresca. Carlo Tresca fu un sindacalista, giornalista, editore, anarchico, antifascista e drammaturgo italiano naturalizzato
statunitense. Fu editore di giornali e leader del movimento operaio negli Stati Nella notte dell’11 gennaio 1943 Carlo Tresca fu ucciso con un colpo di pistola mentre usciva dal suo ufficio di New York e non si seppe mai da chi.
Il collegio ed era stato creato dopo la guerra grazie all’aiuto ricevuto dal sindacato dei tessili americani ed era diretto da Luigi Antonini che aveva sposato la causa degli orfani di guerra.
Antonini aiutò anche concretamente i suoi connazionali in Italia durante i difficilissimi anni del secondo dopoguerra, partecipò alla Conferenza di pace di Parigi del 1947 battendosi per un trattamento equo nelle condizioni postbelliche.
Il Collegio era frequentato da giovani sia di sesso maschile che di sesso femminile erano avviati all’autogestione del loro Istituto, i primi rudimenti di una democrazia rappresentativa e si facevano assumere loro delle responsabilità direttamente dal rapporto tra di loro, la direzione e gli assistenti sociali .
Le stanze avevano nomi adatti alle ragazze e ai ragazzi, le panche, le sedie i tavolini avevano disegni dei personaggi di favole e storie per infanzia ed adolescenza.
Riccardo per tutto il tempo soggiornò insieme ad altri ragazzini nella camera dei cowboy, c’era poi la stanza dei Corsari, la stanza dei pirati e la stanza delle fate. Mirella essendo una delle ragazze più grandi era sempre impegnata ad affrontare e risolvere i vari problemi della comunità. Mamma Fata ,così ormai la chiamavano ragazzine e ragazzini del collegio, conquistò gli affetti prima della stanza delle fate e poi di tutte le altre stanze e dell’intero collegio.
La chiamavano così, perché in qualche modo andava a coprire quel buco che viveva negli animi dei giovanissimi ospiti lontani da casa e dall’affetto dei loro cari.
Molte erano le cose che i ragazzi e le ragazze avevano da fare e quelle cose si facevano senza trascurare il grande impegno scolastico. Un’iniziativa importante da auto gestire era quella della realizzazione in estate del bar della giungla, che metteva a disposizione di coloro che passavano nel bosco bevande di vario tipo realizzate dagli stessi ragazzi ragazze. Max Weber che lavorava nel collegio insieme a sua moglie , lei inglese e lui svizzero essendo stato un calciatore aveva
insegnato ai ragazzi e ragazze a giocare a pallone costruendo una bella squadra. Nella squadra giocava anche Mirella come portiera ed un giorno era in panchina, perché per una parata si era slogata un polso. Mirella assisteva alla partita con il su braccio ingessato, durante la partita venne fatto uno sgarbo a Riccardo che cadde in terra per pochi attimi senza rialzarsi…le fu un fulmine arrivò in campo e diede una grande botta sulla testa a chi aveva provocat6o l’incidente e la botta la diede con il braccio ingessato, tutto si risolse senza drammi i due ragazzini suirialzarono e continuarono la partita. Weber aveva verniciato al bar della giungla i tavolini e le sedie con le figure degli eroi dei cartoni animati come Topolino Paperino Pluto Paperon de Paperoni,
Cenerentola, Biancaneve i sette nani ecc…. Mirella gestiva con molta attenzione come una giovane professionista il bar della giungla, secondo suo fratello la famosa grattachecca viene da molto lontano e cioè da quella esperienza di adolescente che era già in embrione di “mamma fata” in quel chioschetto di Montecompatri tra gli orfani di guerra per approdare su lungotevere e tramutare Fata Mamma in Sora Mirella nell’antico chiosco romano

Elisabetta Di Renzo
Una per tutte – tutte per una era il motto di Elisabetta Di Renzo che molto lottò per l’apertura deli consultori per la tutela della salute delle donne.
Elisabetta fu la responsabile dell’Unione Donne Italiane alla Garbatella e spiegò alle donne del quartiere come si votava per la prima volta. Era una grande frequentatrice della “Villetta” che non frequentò più per una storia di una donna morta di aborto clandestino avvenuto in una nota clinica romana, distribuì davanti alla Standa di Via Caffaro dei fogli ciclostilati che richiedevano il consultorio familiare e l’aborto legalizzato. Narrando la storia triste di Valeria madre di quattro figli. Elisabetta fino alla fine dei suoi giorni trasmise la storia delle donne vissuta in prima persona raccomandandosi di continuare a salvaguardare i diritti che si sono conquistati nel tempo. Girò alcune scuole del quartiere e partecipò a passeggiate culturali con alcune classi delle scuole medie inferiori e superiori.
La sua raccomandazione è sempre stata di aiutare le donne e  di essere con loro solidale, ma anche di fare attenzione “perché: “ per una che arriva su, ce ne sono state 100 che l’hanno spinta per arrivare dove è arrivata! L’importante che poi non si scordi, perchè tutte sono importanti allo stesso modo “una per tutte – tutte per una!”

Enrica Zarfati viveva al lotto 31 alla Garbatella,. alla vigilia della liberazione di Roma fu presa, perché ebrea. e deportata insieme a Emma sua vicina di casa anche lei ebrea tutte e due deportate al campo di concentramento Auschwitz dove Emma venne uccisa nel forno crematorio. Enrica Aveva 19  anni per 60 anni aveva lavorato insieme alla mamma Italia presso il mercato rionale.
Le due donne vennero prese per una spiata di qualcuno che abitava molto probabilmente nel lotto che volle incassare le cinque mila lire che c’erano per ogni ebreo che veniva segnalato.
Enrica era rifugiata nel vano dei lavatoi insieme ad altri ebrei. A08686 era il numero che aveva impresso sul braccio e che molti ragazzini delle scuole elementari e medie hanno visto perché l’andavano a trovare durante la festa per la cultura e nelle passeggiate culturali organizzate da Fatagarbatella per le scuole, ultima donna Scampata dalle deportazioni scomparsa il 6 settembre 2016